Mi hanno insegnato Che…

DI GIANPAOLO MARCUCCI

Mi hanno insegnato che tutto quello che dovevo diventare era un ricco uomo d’azienda, con il gel, la cravatta, il cellulare che squilla sempre e non un attimo libero per andare al parco, se non per fare jogging.

Mi hanno insegnato che se passo avanti io è meglio che se passa un altro, che la vita è una lotta e che bisogna vincere e far fuori gli avversari.

Mi hanno insegnato che se vedi uno per strada che chiede l’elemosina non te ne devi occupare, sono fatti suoi, te non centri nulla.

Mi hanno insegnato a mandare giù il boccone, anche se non mi piaceva, che è giusto così, che ciò che non uccide rafforza, che bisogna essere pronti, che la fuori c’è una giungla, che mica puoi fare come ti pare, che mica puoi permetterti di rispondere a chi ha l’autorità, che esiste l’autorità, che esiste una scala e in quella scala te devi salire con la fatica e con il sacrificio, e che comunque, in tutti i casi, non c’è tempo per giocare e divertirsi quando ci sono le cose importanti da fare. Non c’è tempo per star bene.

Mi hanno insegnato che devo stare seduto, un sacco di ore, e che devo accumulare un sacco di cose. Che cose terribili accadono se non lo faccio.

Mi hanno insegnato che non devo piangere se non quando sto da solo, e poco se no mi hanno insegnato che si dice che sei depresso e devono curarti con delle pillole che poi le prendi e sei felice.

Mi hanno insegnato che non posso dire di voler fare l’amore con una donna se non mi ci fidanzo, che non posso dirle che è bella se non mi ci sposo perché a lei hanno insegnato ad avere paura di chi dice la verità.

Mi hanno insegnato che guai se dici tutte le cose che ti passano per la testa, che guai se non stai ai patti, che guai se non raggiungi compromessi, non rispetti i contratti, se non hai paura del nemico, non soffri se gli altri soffrono, non gioisci se gli altri gioiscono, non cadi se gli altri cadono e non stai dritto se gli altri stanno dritti.

Mi hanno insegnato che la cosa più importante è che io insegni tutto quello che mi hanno insegnato.

Si sono dimenticati però di insegnarmi che la mia volontà spacca e che se voglio smettere di insegnare tutto questo e iniziare ad insegnare altro loro non possono fermarmi.

NESSUN PENSIERO E’ INIETTATO NELLA NOSTRA TESTA CON UNA SIRINGA

Tutto dipende da cosa decidiamo di essere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...